Dare voce ai bambini con sindrome di Down

I ricercatori dell’Università di Alberta stanno aiutando i bambini con sindrome di Down che balbettano a trovare la loro voce e parlare con facilità.

by Bryan Alary

Researchers from the University of Alberta are helping children with Down syndrome who stutter find their voice and speak with ease.

Stuttering is a common problem that affects almost half of all children with Down syndrome, yet despite the scope of the problem, little research exists about preferred treatment options — or even whether to treat at all. Researchers with the U of A’s Institute for Stuttering Treatment and Research (ISTAR) point to a new case study that shows fluency shaping can indeed improve a child’s speech.

“People who stutter, whether they have a developmental delay or not, can do very well with treatment,” said study co-author Jessica Harasym, a speech-language pathologist and Elks clinician with ISTAR in the Faculty of Rehabilitation Medicine. “There is no difference between the way the child in our case study responded compared with other children and families we’ve worked with who don’t have Down syndrome.”

Co-author Marilyn Langevin, ISTAR’s director of research, said there is little consensus in the speech-language pathology community about treating stuttering for kids with co-existing disorders like Down syndrome. Their descriptive case study directly challenges the notion that children with Down syndrome should not be taught fluency skills for fear that failure could lead to frustration and damaged self-esteem.

“The difference in treating a child with Down syndrome might be using more simplified terms and slight modifications in how skills are explained, more modelling of skills — the more you show, the better,” Langevin says.

In the study, Harasym and Langevin worked with an eight-year-old girl, “Sarah,” whose stuttering had affected her scholastic performance and ability to speak with friends and teachers at school. Four months of treatment, including the practice of prolongation — speaking at an exaggeratedly slow rate — plus breathing techniques and voice management skills inside the clinic and at home, helped Sarah improve her fluency by 98.6 per cent.

Read more at Giving a voice to kids with Down syndrome.

*Fonte – http://specialedpost.com/2013/02/28/down-syndrome-stuttering-can-be-treated/

Sindrome di Down e balbuzie

IntroductionThis leaflet is designed to help people who have Down’s syndrome, or who care for and work with people who have Down’s syndrome to understand the problem of dysfluency in speech. People with Down’s syndrome are born with an extra chromosome as a result of a genetic accident before or around the time of conception (1). This results in a certain degree of learning difficulty which can affect the ability to understand and produce speech and language. One of the biggest problems for many people with Down’s syndrome is the unintelligibility of their speech to others. Unintelligibility and disfluency often go hand-in-hand.People with Down’s syndrome may find some or all of these steps particularly difficult. Ideas may not be clearly formed; the language plan and/or the speech movement plan may not be well established; the actual process of speech may be a problem. As well as this, hearing loss, which is quite common in people with Down’s syndrome, makes learning and understanding language difficult. Also, the individual may lack the social awareness needed to know when or where it is appropriate to say what is wanted.

For all of us it is common to find that, as the pressure to speak and speak well builds, a breakdown in fluency may occur. Imagine that you are trying to plan what to say in a foreign language—one where you only know a few words! You are likely to have long pauses when you are thinking of words; you might start a word, realize it’s wrong and try another word; you may repeat a word a number of times while you are trying to plan the sentence. In fact you may appear very disfluent!

For a person with Down’s syndrome, wanting to convey messages through a system that does not always work perfectly may lead to:

  1. Repeating whole words or parts of words while trying to think of the next bit of the sentence (its…its…its big).
  2. Long pauses in the middle of the sentence when he or she can’t think of what to say next (its a………ball).
  3. Pauses in unusual places in sentences, often followed by two or three words in a sudden rush that may be hard to understand (I’m going swim……mint’omorrow). This stop- and start speech can be caused by problems in the language program or in the conversion of the language into a speech muscle program. The effect is as if the “bottled up” air is escaping from the lungs in a rather uncontrolled fashion. Fluent speech is dependent on a steady flow of air.
  4. Emphasis being placed on the wrong word in a sentence or on the wrong part of the word. This may occur because the language program is not precisely planned or the control of movements of the speech muscles is not sufficiently well organized (I like to eat apples).
  5. Some struggling to find the right speech sounds to start the word off (a…er…er.i…er…um…over there). Sometimes it may be difficult for the person to start the voice working leading to sudden high pitched or loud sounds.
  6. Possible problems with hearing others and/or with noticing that what has been heard has not been understood. This may lead to hesitant and unsure speech and to communication between the person with Down’s syndrome and the listener breaking down.

It is possible that fluency depends on an equal balance between demands made on the language system and the abilities of the individual to meet these demands (3). Stuttering may occur when demands exceed one’s abilities.

Demands made on the child or adult Abilities of the child or adult
  • Expectations of parents or others for good speech or good behavior, etc.
  • Asking child or adult with language difficulties to say certain things
  • Child or adult’s desire to please
  • Need to communicate
  • General ability to understand
  • Level of language ability
  • Hearing ability
  • Speech motor ability
  • Desire to communicate

These are just a few of the demands made upon speakers and the abilities that a speaker needs to have in order to manage well. There are many others that can be added.

How Can People with Down’s Syndrome Be Helped?

Following on from the chart above, we can see how our aim is to try to decrease demands and increase abilities.

Decreasing demands:

  1. Give the person with Down’s syndrome plenty of time. Planning what to say and saying it may be slower than you might expect.
  2. Take a slightly longer pause between what he or she has said and your reply—this slows the overall speed of the conversation down. Encourage the adult or child to also take longer pauses. This allows thinking time before speaking.
  3. Try to avoid finishing sentences or saying what you think he or she might be trying to get across.
  4. Speak a little slower yourself—this gives a model for the child or adult with Down’s syndrome to follow.
  5. Try not to use too many long and complicated sentences.
  6. Give positive encouragement for the message rather than the style of delivery.

Working to increase their abilities:

  1. For children, helping the language to develop and the vocabulary to expand may reduce the amount of disfluency. Rhymes and jingles that have a strong rhythm and can be moved to or clapped out are particularly useful. However, it is important not to make too many demands for speech—this can have a negative effect.
  2. Encouraging the use of sign language and other aids (such as pointing to pictures, etc.) reduces the pressure on children or adults who are disfluent and difficult to understand.
  3. Encouraging the development of good social and communication skills (such as knowing when to speak and when not to speak, looking at people when talking to them, listening carefully, smiling and nodding, taking turns to speak) helps build confidence. Speaking is only a small part of communicating.

Most children with Down’s syndrome will be particularly disfluent while their language is developing and their vocabulary is expanding. The disfluencies may pass or reduce as they become better at planning and organizing their language. However, for some, language and speech may always be difficult.

As adults, a number of people with Down’s syndrome will be quite difficult to understand at times, and they may have bouts of disfluency varying from mild hesitancies to more severe struggling to get words out. The most important thing is that they should still feel that what they say has value and that others want to listen to them. Attempts to make people imitate sentences or practice speaking in different ways are unlikely to produce more fluent, clearer speech in the long run, and this might make them feel that the payoffs for speaking are not worth the effort.

Conclusion

Do talk about the problems of disfluency among yourselves and with people who can help. Don’t feel you can not or must not say anything. By avoiding talking about the issue you could be making yourself and the person who has the problem feel worse about it.

References:

  1. “Down’s Syndrome: Information for Journalists” Leaflet produced by the Down’s Syndrome Association
  2. Shames G, Wiig E & Secord W (1994) Human Communication Disorders (4th edition) Macmillan
  3. Starkweather W (1987) Fluency and Stuttering Prentice Hall

*Fonte – http://www.stutteringhelp.org/downs-syndrome

SIB – Società Scientifica per la ricerca e lo studio della BALBUZIE

In evidenza

SIB balbuzie

Citiamo: Conosciamo molto di più sulla balbuzie di quanto riusciamo a capire…” (Curlee)

La Società scientifica per la ricerca e lo studio della balbuzie è un istituzione scientifica  a carattere sperimentale. Intende offrire un alto livello di informazione e formazione, ricerca e promozione della salute riguardo la balbuzie,  in stretto collegamento con istituti di ricerca nazionali ed enti internazionali.

E’ prevista l’ammissione, senza limitazioni, di tutti i soggetti che operano nelle varie strutture e settori di attività del Servizio sanitario nazionale (aziende ospedaliere, aziende USL, aziende universitarie, IRCCS, ospedali classificati, case di cura private accreditate, ecc.) o in regime libero professionale; è prevista l’ammissione, senza limitazioni, di tutti i soggetti, in possesso dei requisiti previsti dallo statuto, appartenenti alla categoria professionale o al settore specialistico o disciplina dei servizi del S.S.N., che l’associazione rappresenta, ovvero con attività lavorativa nel settore o nell’area interprofessionale che l’associazione rappresenta.

Analogamente alle società scientifiche di altri Paesi, SIB Balbuzie ha il prevalente scopo di promuovere il costante aggiornamento degli associati e quindi, svolgere attività finalizzate ad adeguare le conoscenze professionali ed a migliorare le competenze e le abilità clinico-riabilitative, tecniche e i comportamenti degli associati stessi al progresso scientifico e tecnologico, con l’obiettivo di garantire efficacia, appropriatezza, sicurezza ed efficienza alle prestazioni sanitarie erogate.
Intendiamo svolgere attività di collaborazione con istituzioni sanitarie pubbliche  e centri riabilitativi privati per l’elaborazione, diffusione e adozione delle linee guida e dei relativi percorsi diagnostici-terapeutici e la promozione dell’innovazione e della qualità dell’assistenza nel campo della balbuzie.
Promuoviamo di trials di studio e di ricerche scientifiche finalizzate e rapporti di collaborazione con altre società e organismi scientifici. Promuoviamo la ricerca, lo studio, la prevenzione, l’intervento e il trattamento per la rimozione ed il contenimento del disturbo verbale-personale chiamato balbuzie, in particolare rivolgendosi alle disarmonie verbali, personali e relazionali, interne ed esterne-comportamentali.

Stimoliamo lo studio del disagio nel campo della comunicazione e della relazione, del  disagio psicologico ed emotivo, attraverso il confronto scientifico tra le strategie rieducative, servendosi dell’apporto di modelli terapeutici e riabilitativi accreditati in atto nel panorama nazionale ed internazionale d’ambito sanitario  e riabilitativo (logopedia e logoterapia, foniatria, neurobiologia, neuropsichiatria, psicologia, pedagogia, ecc..).

Intendiamo contribuire al miglioramento delle condizioni di bambini, adolescenti e adulti che balbettano nel territorio italiano.

  • Condividere teorie ed esperienze sulle terapie per la cura della balbuzie.
  • Favorire la comunicazione e il confronto tra persone che b., genitori di bambini che b., terapisti e ricercatori di tutti i settori sanitari e della riabilitazione.
  • Educare circa la natura e la gestione della balbuzie; i bisogni e le capacità delle persone che balbettano.
  • Sollecitare una riflessione multi ed interdisciplinare della ricerca relativamente alla balbuzie.
  • Favorire lo sviluppo di approcci interdisciplinari per la prevenzione e il trattamento della balbuzie
  • Favorire la cooperazione tra organizzazioni di ricerca nazionali e internazionali

SIB società italiana balbuzie

SIB -copyright

Scienza di base e balbuzie – Simposio internazionale 26-29 maggio 2013

We are pleased to announce the second of a series of international stuttering symposia in Croatia, which the three of us are convening.

The aim of the symposium is to address the impact of basic research so far to date on clinical practices with those who stutter.

Naturally, all research into stuttering has a goal to benefit those who stutter. Such benefits may be direct or indirect, and immediate or for the longer term. Some benefits from recent research may be projected for the future, and may not have materialised to date. The point of our symposium is to update clinicians on how basic science informs their clinical practices; they will be the target audience for our symposium.

To further this aim, we have invited internationally renowned experts to provide expert summaries on nine different topics. After each presentation there will be a 25-minute open discussion of the topic, moderated by ourselves. This will provide the audience with an opportunity to engage you in a discussion of the material.

Sondaggio: conosci la telemedicina?

tag alt

La manifestazione “Il festival della Salute” svoltasi dal 24 al 27 settembre 2009 a Viareggio, è stata l’occasione per condurre un’indagine di mercato mirata per misurare la percezione e la conoscenza che la gente comune possiede sulla telemedicina. L’evento di Viareggio ci è sembrato quello più in linea con lo scopo dell’indagine, perché incentrato sulle problematiche della salute al cittadino, con dibattiti, confronti tra esperti e pubblico e una piccola area dedicata alle applicazioni di telemedicina. Il profilo medio dei visitatori è quello di persone attente alla propria salute o in ogni caso  interessate a questi argomenti, quindi  più rappresentativo per i nostri obiettivi. L’indagine è stata realizzata distribuendo dei questionari ai visitatori, in diverse zone della fiera e non solo nelle aree dedicate alle applicazioni medicali, allo scopo di  raccogliere l’opinione anche di visitatori non direttamente interessati alla telemedicina o influenzati dalla fiera .

Il campione intervistato

Il campione di intervistati è composto da persone di diverse fasce di età, a partire da giovani di 20 anni fino agli over settantacinque, con una maggiore contrazione nelle fascia di età media ed una casuale suddivisione  paritetica tra i due sessi.
Il 60% degli intervistati è compreso nella fascia di età 30-60 anni, il 25% è over 60 ed una piccola percentuale (8,3%) del campione è al di sotto dei 30 anni.

 

Analisi dei dati

Dai dati raccolti nello studio risulta, contrariamente all’aspettativa, che vi è una certa conoscenza dell’argomento telemedicina .
Solo il 18% degli intervistati dichiara di non avere alcuna conoscenza della telemedicina. La maggior parte degli intervistati afferma di essere venuta a conoscenza della telemedicina dai giornali (41,1%), in seconda posizione è la  TV (29,3%), seguita da  internet (22,6%). All’ultimo posto si colloca l’informazione sull’argomento ricevuta dal proprio medico (5,3%).

 Entrando più nei dettagli della percezione generale, viene confermata una conoscenza piuttosto confusa  su  cosa si intende per telemedicina; difatti una buona percentuale confonde la telemedicina con l’e-health, (22,6%), ovvero la disponibilità e la ricerca di informazioni inerenti la salute sul web.  Il restante ha una conoscenza attinente alla definizione. Tra questi solo il 39,1% collega il termine telemedicina con possibilità di effettuare una  visita a casa da remoto, il 36,8% pensa cha sia un modo per registrare i propri dati vitali (pressione, SpO2 ecc) ed inviarli successivamente al medico (un po’ come avviene per i rilevamenti parametrici con gli holter) ed il restante 16% associa la telemedicina al consulto medico via telefono.
 

Gli intervistati risultano essere assidui frequentatori del proprio studio medico. Il 66% difatti dichiara di andare dal proprio medico almeno una volta al mese,  il 22 % più di una volta al mese, mentre il restante 12% non risponde. Il tempo medio impiegato per la visita medica è inferiore a un’ora per il 58% e superiore a un’ora per il 30% degli intervistati.
L’80,5% concorda con il concetto che la telemedicina può ridurre il numero di visite dal proprio medico e, in ogni caso fare, risparmiare tempo. Solo il 5,3% non è d’accordo mentre il 15% è dubbioso.

La telemedicina non è percepita come un qualcosa di complicato o costoso rispettivamente per il 61,7% ed il 49,6% del campione intervistato.

Un dato molto interessante deriva dall’analisi delle risposte alla domanda fatta agli intervistati sul proprio utilizzo per farsi visitare dal medico. L’83% afferma che farebbe volentieri uso della telemedicina per le visite mediche da casa, il 7,5% è decisamente contrario ed il 9,8% esprime dubbi.

 

Quasi l’80% degli intervistati pensa che la telemedicina debba essere un servizio  pubblico e solo una piccola minoranza è disposta a spendere per avere un servizio di telemedicina. Questo risultato era già nelle aspettative perché, a nostro avviso, l’intervistato associa la telemedicina alla visita con il proprio medico curante  o con la struttura ospedaliera che lo assiste, quindi in sostituzione o integrazione di un servizio oggi già offerto gratuitamente.

Infine la maggioranza degli intervistati considera la telemedicina come qualcosa di positivo, che migliora il rapporto tra medico e paziente, da maggiore serenità al paziente che nel momento del bisogno può contare su un monitoraggio più costante e assiduo.

 

Molti considerano la telemedicina come uno strumento che può aiutare il medico nella sua attività giornaliera, facendogli risparmiare tempo, ottimizzando il rapporto tra medico e paziente, una maggiore tempestività nella consultazione medica, evitando di andare dal medico per leggeri malesseri ed assimilando una maggiore conoscenza del  proprio stato di  salute.

(*) Indagine svolta in collaborazione tra ADiTech  S.r.l. – Unità di Medicina Telematica dell’Ospedale San Giovanni Calibita-Fatebenefratelli-Roma (settembre 2009 in Festival della Salute di Viareggio).

Fonte – http://www.telemeditalia.it/it/ej-tecsanitar/content/detail/0/181/1635/sondaggio-conosci-la-telemedicina.aspx

Studio: Una settimana di terapia può aiutare a riorganizzare il cervello e ridurre la balbuzie

 Studio: Una settimana di terapia può aiutare a riorganizzare il cervello e ridurre la balbuzie

Secondo uno studio cinese, pubblicato l’8 agosto 2012 nella rivista medica Neurology ® dell’American Academy of Neurology, una settimana di terapia (3 sessioni al giorno) può aiutare a riorganizzare il cervello contribuendo a ridurre la balbuzie

 Obiettivi: L’obiettivo del presente studio è stato quello di distinguere tra attività neurale che rappresenta le anomalie neurali che sono responsabili in persistente balbuzie dall’ attività che è il risultato di compensazione per la balbuzie. Ciò è stato condotto indagando le modifiche all’architettura funzionale intrinseca dei processi della parola e del linguaggio in pazienti affetti da balbuzie cronica (PDS) prima e dopo un intervento a breve termine

Metodi: Lo stato di riposo delle connettività funzionali (RSFC) e lo spessore corticale sono stati esaminati prima e dopo l’intervento. I dati strutturali sono stati utilizzati per convalidare i risultati funzionali. La ricerca ha coinvolto 28 persone affette da balbuzie e 13 persone che non hanno balbettano. Quindici delle persone affette da balbuzie ha ricevuto una settimana di terapia con tre sessioni al giorno .

Risultati: Prima dell’intervento, entrambi i gruppi di pazienti PDS hanno mostrato significative riduzioni di spessore RSFC e corticale nella zona sinistra denominata pars opercularis (PO) e un aumento RSFC nel cervelletto, rispetto ai controlli dei soggetti fluenti. L’intervento efficace nella riduzione della balbuzie è stato accompagnato da una riduzione delle RSFC nel cervelletto rispetto al livello del gruppo fluente. L’effetto è stato l’intervento specifico per il gruppo di 15 soggetti (non è stato invece evidente nel gruppo di 13 pazienti con balbuzie che non hanno ricevuto l’intervento logopedico). L’intervento non ha modificato lo spessore corticale RSFC e della PO, rimaste al livello del pre-intervento.

In sintesi per i soggetti con balbuzie rispetto ai controlli lo spessore e la forza delle interazioni sono risultate ridotte in un’area del cervello importante nella produzione della parola e del linguaggio denominata pars opercularis.

Conclusioni: I risultati suggeriscono che nella zona sinistra denominata pars opercularis (PO) è un luogo in cui si viene a modificare l’architettura funzionale intrinseca dei processi della parola e del linguaggio pazienti PDS, suggerendo un ruolo eziologico di questa regione nel PDS. Il cervelletto ha mostrato un intervento indotto di riorganizzazione neurale, suggerendo una risposta compensatoria in presenza di balbuzie.

  •  Area di Broca, regione neuroanatomica importante nella produzione del linguaggio include la pars triangularis e la pars opercularis

Questi risultati mostrano che il cervello può riorganizzarsi con la terapia, e che i cambiamenti nel cervelletto sono il risultato della compensazione del cervello per la balbuzie”, afferma l’autore di studio Chunming Lu, PhD, della Beijing Normal University della Cina. “Gli studi inoltre forniscono la prova che la struttura della pars opercularis del cervello è alterata in persone con balbuzie”.

Christian A. Kell, MD, della Goethe University di Francoforte, in Germania, ha scritto un editoriale che accompagna lo studio, affermando che: “Questi risultati dovrebbero motivare ulteriormente i terapeuti e i ricercatori nei loro sforzi per determinare come la terapia lavora per riorganizzare il cervello e ridurre la balbuzie. ”

Lo studio è stato sostenuto dalla Fondazione Nazionale di Scienze Naturali di Cina.

Approfondimenti

  *************************

Neural anomaly and reorganization in speakers

who stutter

A short-term intervention study

Chunming Lu, PhDChuansheng Chen, PhDDanling Peng, BS,Wenping You, PhDXuhui Zhang, MSGuosheng Ding, PhD, Xiaoxiang Deng, BSQian Yan, MS and  Peter Howell, PhD

From the State Key Laboratory of Cognitive Neuroscience and Learning (C.L., D.P., X.Z., G.D., X.D.), Beijing Normal University, Beijing, PR China; Department of Psychology and Social Behavior (C.C.), University of California, Irvine; Institute of Psychology (W.Y.), Chinese Academy of Science, Beijing; Stuttering Therapy Center (Q.Y.), Beijing, PR China; and Division of Psychology and Language Sciences (P.H.), University College London, UK.

ABSTRACT

Objectives: The aim of the current study was to differentiate between neural activity that represents neural anomalies that are responsible for persistent developmental stuttering (PDS) from the activity that is a result of compensating for stuttering. This was done by investigating alterations to the intrinsic functional architecture of speech-language processes of patients with PDS before and after a short-term intervention.

Methods: The resting-state functional connectivity (RSFC) and cortical thickness were examined before and after the intervention. The structural data were used to validate the functional results. Fifteen stuttering patients who received intervention (PDS+), 13 stuttering patients who did not receive intervention (PDS−), and 13 fluent controls participated.

Results: Before the intervention, both groups of PDS patients showed significant RSFC and cortical thickness reductions in the left pars-opercularis (PO) and RSFC increases in the cerebellum, as compared to fluent controls. The intervention was effective in reducing stuttering in PDS+ patients and lowering their RSFC in the cerebellum to the level of fluent controls. The intervention effect was specific to the PDS+ group (it was not evident in the PDS− group). The intervention did not change RSFC and cortical thickness in the left PO, which remained at its preintervention level.

Conclusions: The results suggest that the left PO is a locus where the intrinsic functional architecture of speech-language processes is altered in PDS patients, suggesting an etiologic role of this region in PDS. The cerebellum showed intervention-induced neural reorganization, suggesting a compensatory response when stuttering occurs.

Copyright © 2012 by AAN Enterprises, Inc.

Libri storici sulla balbuzie – Lingua inglese

Historical Books about Stuttering

Balbuzie Neurogena – Approfondimenti

Neurogenic Stuttering

Fonte  – http://www.stutteringhomepage.com/

Classificazione dei sintomi della balbuzie riguardo l’attività cerebrale.

Classification of Types of Stuttering Symptoms Based on Brain Activity

 Interessante e accurata ricerca riguardo la valutazione delle basi neurali nella classiificazione dei sintomi della balbuzie


Among the non-fluencies seen in speech, some are more typical (MT) of stuttering speakers, whereas others are less typical (LT) and are common to both stuttering and fluent speakers. No neuroimaging work has evaluated the neural basis for grouping these symptom types. Another long-debated issue is which type (LT, MT) whole-word repetitions (WWR) should be placed in. In this study, a sentence completion task was performed by twenty stuttering patients who were scanned using an event-related design. This task elicited stuttering in these patients. Each stuttered trial from each patient was sorted into the MT or LT types with WWR put aside. Pattern classification was employed to train a patient-specific single trial model to automatically classify each trial as MT or LT using the corresponding fMRI data. This model was then validated by using test data that were independent of the training data. In a subsequent analysis, the classification model, just established, was used to determine which type the WWR should be placed in. The results showed that the LT and the MT could be separated with high accuracy based on their brain activity. The brain regions that made most contribution to the separation of the types were: the left inferior frontal cortex and bilateral precuneus, both of which showed higher activity in the MT than in the LT; and the left putamen and right cerebellum which showed the opposite activity pattern. The results also showed that the brain activity for WWR was more similar to that of the LT and fluent speech than to that of the MT. These findings provide a neurological basis for separating the MT and the LT types, and support the widely-used MT/LT symptom grouping scheme. In addition, WWR play a similar role as the LT, and thus should be placed in the LT type.


Fonte: http://www.plosone.org/article/info%3Adoi%2F10.1371%2Fjournal.pone.0039747

7 ° Congresso Mondiale sui disturbi della Fluenza – 2/5 Luglio 2012 – Tours (Francia)

Il 7 ° Congresso Mondiale sui disturbi della Fluenza (WCFD) a Tours (Francia) è dedicato ad esplorare la balbuzie e i suoi sottotipi, alla luce delle recenti ricerche. Lo scopo del congresso è quello di discutere l’impatto che queste hanno sulle procedure di diagnosi e di valutazione, i trattamenti e l’istruzione professionale. L’incontro sarà creare un forum unico per professionisti, ricercatori, medici e persone che balbettano / disordine (PWS / C) per condividere le nuove pratiche, conoscenze, esperienze e idee. Tengono una volta ogni tre anni il WCFD è la conferenza ufficiale della Associazione Internazionale per la Fluenza (IFA) .


L ink: http://www.worldcongressfluencydisorders.com/

L’obiettivo del congresso 2012 è di fornire ai i presenti l’opportunità di conoscere le più recenti teorie, ricerche e terapie all’interno del campo e di incoraggiare la diffusione di nuove idee e metodologie.

Sessioni speciali saranno organizzate riguardo la fonetica e la linguistica. Ci saranno anche sessioni e laboratori disponibili per  chi balbetta  e per i loro familiari per presentare argomenti di loro interesse.

La conferenza vedrà coinvolti professionisti, ricercatori, medici, persone che balbettano e tutti gli interessati per discutere aspetti teorici, empirici, problematiche cliniche e culturali legate a disturbi di fluenza.

Il congresso metterà insieme ricercatori di fama internazionale per un programma globale e di ampio respiro che copre tutti gli aspetti dei disturbi di fluenza, logopedia, logoterapia, e la tecnologia per la balbuzie.

Ulteriore possibilità è quella della rete con i redattori delle riviste di settore più importanti, incontrare i colleghi internazionali, visitare gli stand commerciali e realizzare nuove collaborazioni.

Argomenti

  •  Stuttering subtyping
  • Cluttering and other fluency disorders
  • New developments in neurophysiology and genetics
  • Implications for clinical practice and treatment
  • Therapies
  • Phonetic and linguistic aspects of stuttering
  • The emotional aspects of stuttering
  • Pharmacology of stuttering
  • Contributions from PWS/C
  • Professional education worldwide
  • The spread of knowledge